Loading color scheme

Stato dell’arte PNRR INPS

Stato dell’arte PNRR INPS

Alcuni impatti

Di Marinella Perrini

L’Inps in qualità di ente attuatore ha ottenuto il finanziamento diretto per la realizzazione del progetto Digital Transformation of large central administrations, incluso all’interno della Missione 1, Componente 1, Investimento 1.6.3.

180 milioni da rendicontare all’Europa nei due macro ambiti della digitalizzazione dei servizi e del miglioramento delle competenze tecnologiche dei dipendenti, che hanno rappresentato per l’Inps una grande opportunità in termini di rafforzamento dell’efficacia e dell’accessibilità dei servizi e del know-how interno.

A fronte di un obiettivo assegnato di 70 servizi per il biennio 2021-2023, sono stati circa 130 i progetti messi in campo dall’Istituto che ha raggiunto le proprie milestone in anticipo anche sui tempi previsti.

Ad oggi sono stati rilasciati già 83 servizi: un successo non solo in termini di obiettivo raggiunto, quanto soprattutto in termini di impatto sull’utenza perché l'adozione dei servizi digitali ha consentito di facilitare i cittadini nell’accesso ai servizi previdenziali e assistenziali offerti dall'Inps e personalizzare l’esperienza, oltre che supportare gli operatori dell’Istituto nei processi di produzione.

Solo alcuni numeri:

- A luglio 2023 circa 3 milioni e 900 mila domande sono state gestite dall’hub prestazioni non pensionistiche: una Piattaforma unificata per l'acquisizione e per la gestione integrata delle domande on-line di tutti i servizi non pensionistici.

- Sono stati 6.935.184 gli accessi con delega digitale: un sistema che consente di delegare l’identità digitale personale anche utilizzando le credenziali digitali fornite da SPID.

- Il 28 giugno 2023 è stata rilasciata l’hub delle prestazioni pensionistiche: un servizio che ha l’obiettivo di agevolare e  semplificare la presentazione della domanda di pensione, anche attraverso la precompilazione di alcuni dati, di gestire la liquidazione delle pensioni di vecchiaia in modalità integrata e sempre più automatizzata e di indirizzare i pagamenti in modo corretto e tempestivo Sono 5.018 le comunicazioni inviate, 2.070 domande di pensione di vecchiaia precompilate rese disponibili agli utenti; 2.947 estratti conto inviati agli assicurati.

Questo per citare solo alcuni dei progetti che sono diventati realtà insieme alle progettualità che hanno interessato anche i dipendenti dell’Inps.

È stata lanciata, per esempio, la piattaforma di “Idea Management” che consente, attraverso un processo strutturato e tracciato, di raccogliere, condividere, votare, integrare e sviluppare idee per risolvere le criticità esistenti o innovare e migliorare i servizi, in occasione di contest aziendali mirati: lo scopo della piattaforma è favorire la presentazione di idee, l’espressione del proprio potenziale e la collaborazione tra colleghi, elementi funzionali alla creazione di valore finale per l’utente.

E le innovazioni introdotte non si fermano qui. L'uso di tecnologie come l'intelligenza artificiale e la robotica stanno migliorando ulteriormente la qualità e l'efficienza dei servizi già realizzati. Grazie all'IA e ai sistemi di machine learning Inps sta migliorando la gestione delle comunicazioni elettroniche, delle ricerche sul sito, di prestazioni specifiche come opzione donna.

Grandi risultati che si sviluppano anche attraverso l’interoperabilità con le altre pubbliche amministrazioni e in partnership con grandi realtà private del nostro ecosistema e che hanno prodotto e producono significative collaborazioni come il progetto “welfare as a service” presentato all’ANCI e che vede i comuni protagonisti di una razionalizzazione e semplificazione dei servizi di welfare per i cittadini anche in una logica di social Innovation e il progetto “POLIS” che permette di capillarizzare l’accesso ai servizi pubblici grazie agli sportelli postali.

Esempi della capacità dell’istituto di utilizzare le tecnologie e capitalizzare l’impegno nel PNRR per semplificare e agevolare l’accesso ai propri servizi, facendo “rete” con i Comuni e tutti gli attori che rappresentano importanti punti di riferimento sul territorio, a presidio del rapporto di fiducia del cittadino con le Istituzioni su tutto il territorio nazionale.