Loading color scheme

Invalidità civile, le novità

Invalidità civile, le novità

L'INPS ha rilasciato un nuovo servizio online per semplificare il processo di richiesta di invalidità civile per i minori.

Di Marinella Perrini 

L'INPS ha rilasciato un nuovo servizio online per semplificare il processo di richiesta di invalidità civile per i minori. Questo servizio, già disponibile per i maggiorenni, è ora rivolto anche ai Patronati e alle associazioni rappresentative delle persone con disabilità.

L'accesso al servizio avviene attraverso il portale dell'INPS, nella sezione "Accesso ai servizi per patronati". Le associazioni rappresentative delle persone con disabilità abilitate dall'Istituto all'uso del canale telematico, invece, continueranno ad accedere al servizio online tramite identità digitale come SPID almeno di livello 2, CIE e CNS.

La domanda telematica prevede diverse sezioni che riguardano i dati relativi alla richiesta di accertamento sanitario, i dati amministrativi necessari per la liquidazione di una eventuale prestazione economica, i dati relativi alla frequenza scolastica e quelli necessari per il pagamento. Dopo avere completato tutte le sezioni, la domanda deve essere trasmessa dalla sezione "Invio domanda".

È importante sottolineare che entrambi i genitori devono essere a conoscenza dell'inoltro della domanda, tranne che si sia in presenza di unico genitore o un tutore. Il genitore non dichiarante riceverà una notifica di tutte le comunicazioni relative all'avvio del procedimento di accertamento sanitario nei confronti del figlio, mentre il genitore che ha fatto richiesta presso il Patronato/associazione potrà consultare la pratica anche accedendo al sito dell'INPS, tramite delega sulle proprie credenziali, per visualizzare nell'area riservata la posizione del figlio minore.

Infine, nel caso si opti per il pagamento della prestazione economica con la modalità "in contanti presso lo sportello", è necessario che, prima dell'invio della domanda, il secondo genitore fornisca il consenso esplicito alla riscossione nei confronti del genitore dichiarante. Tale autorizzazione può essere specificata dal secondo genitore attraverso l'accesso al servizio "Invalidità civile - Domanda (Cittadino)" con le proprie credenziali fornendo il consenso tramite la funzionalità "Acquisizione consenso alla riscossione".