Il valore delle dichiarazioni in fase ispettiva

Il riconoscimento del valore probatorio delle dichiarazioni rese dai lavoratori in fase ispettiva è il tema dell’articolo di Carlo Cavalleri, esperto di Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, pubblicato sul Leggi di Lavoro n.1/2021. L’esperto, dopo un excursus delle norme in materia, ci guida verso l’ordinanza n. 24208 del 2 novembre 2020 della Corte di Cassazione. Quello che emerge è che il rapporto ispettivo dei funzionari preposti dell’INL sia atten­dibile, fino a prova contraria, quando esprime gli elementi da cui trae origine mediante allegazione delle dichiarazioni rese da terzi, rendendo liberamente valutabile dal giudice il concorso con gli altri elementi probatori.

Per leggere tutto l’articolo:

Se sei un Consulenti del Lavoro, puoi farlo gratuitamente

Se non sei abbonato