Loading color scheme

La tutela dei riders evoca un “diritto dei lavori”

La tutela dei riders evoca un “diritto dei lavori”

Nell’articolo firmato da Mauro Marrucci la regolamentazione dei riders fra novità e storiche proposte

Con la conversione in legge n. 128 del 2019 del d.l. n. 101/2019, viene definitivamente regolamentata l’attività dei riders sotto il profilo dell’inquadramento contrattuale, delle tutele economiche e assicurative, delle garanzie antidiscriminatorie e della riservatezza. Ad esaminare, su Leggi di Lavoro n.6/2019, la nuova disciplina, alla luce delle modifiche apportate al testo originario in sede di esame parlamentare, è Mauro Marrucci, esperto della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. Nel focus Marrucci evidenzia come la regolamentazione dell’attività dei riders finisca per tracciare i contorni di una nuova fattispecie contrattuale assolutamente significativa e tale da evocare la necessità di introdurre uno “Statuto dei lavori”, come immaginato da Marco Biagi venti anni fa.

Per saperne di più