La somministrazione fraudolenta nuovamente reato

La Legge n. 96/2018, di conversione del D.L. n. 87/2018, c.d. “Decreto Dignità”, ha reintrodotto nel nostro ordinamento il reato della sommini­strazione fraudolenta. La fattispecie, già presente - con identica formulazione letterale - nell’art. 28 del Decreto Legislativo n. 276/2003, era stata abolita dal Decreto Legislativo n. 81/2015. Ad analizzare le implicazioni della reintroduzione del reato è Francesco Capaccio, esperto della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro,nel suo contributo sul n.2/2019 di “Leggi di Lavoro”, nel quale si sofferma anche sulle istruzioni operative dettate dall’Ispettorato Nazionale del Lavoro con la circolare n. 3 dell’11 febbraio scorso. Per leggere l’articolo completo abbonati alla rivista sullo store della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro.