Le causali nel contratto a tempo determinato

Il “Decreto Dignità”, convertito con modifiche nella Legge n. 96/2018, ha introdotto importanti novità nella materia dei contratti a termine e in somministrazione. La reintroduzione delle causali è la più incisiva modifica su cui si concentra Francesco Capaccio, Consulente del Lavoro e avvocato, nel suo articolo sull’ultimo numero di Leggi di Lavoro.

Dopo aver illustrato nel dettaglio la differenza fra proroga e rinnovo e le esigenze che rendono una causale legittima, l’esperto si focalizza sulle attività stagionali e sugli altri casi di esclusione, nonché sulle sanzioni in caso di violazione delle nuove norme e sul potenziamento della contrattazione collettiva e di prossimità.

Abbonati a Leggi di Lavoro