Licenziamenti del disabile e problemi di discriminatorietà

Su Leggi di Lavoro n.2/2020 Francesco Capaccio, Consulente del Lavoro di Napoli, offre un’analisi dei profili discriminatori relativi all’applicabilità della normativa vigente al rapporto di lavoro di un soggetto affetto da disabilità, in caso di superamento del periodo di comporto per malattia e conseguente licenziamento. In tale contesto, partendo da alcuni punti di vista giurisprudenziali e sentenze della Corte di Giustizia europea, l’approfondimento prende in esame le recenti posizioni di tre Tribunali italiani. L’esperto fa il punto in merito all’onere probatorio in capo al lavoratore e al datore di lavoro, al nesso eziologico tra inadempimento datoriale e danno alla salute e ai casi in cui l’applicazione del periodo di comporto al lavoratore disabile configuri un’ipotesi di discriminazione indiretta.  

Per leggere l’articolo abbonati alla rivista