Quando il verbale di conciliazione non è opponibile all’Inps

Su Leggi di Lavoro n. 5/2019 l’esperto della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, Paolo Cacciagrano, affronta il tema del rapporto fra obbligazioni retributive e contributive di natura pubblica e verbali di conciliazione fra privati alla luce della sentenza della Corte di Cassazione n. 12652/2019, che ha statuito la prevalenza della normativa sull’accordo fra le parti.

In passato si sono susseguite interpretazioni contrastanti in ragione del carattere novativo o meno dell’intesa conciliativa, ma tale orientamento risulta ad oggi minoritario rispetto alla giurisprudenza prevalente, per la quale l’eventuale transazione, intervenuta fra datore di lavoro e lavoratore in relazione al rapporto contributivo, è totalmente estranea e inefficace rispetto a quanto dovuto per legge o per contratto.

Per saperne di più