News

Intermediazione di manodopera da vigilare

La necessità di una lotta costante e condivisa

 

La diffusione di forme sempre più subdole e pregnanti di interposizione illecita di manodopera trasforma questo fenomeno in una piaga sociale, che il Paese paga in termini di sicurezza, produttività, progresso, civiltà e dignità. L'importante impegno politico e legislativo sul caporalato ha consentito di introdurre una disciplina specifica e fortemente punitiva, ma il rilievo delle violazioni in materia di intermediazione di manodopera non consente di fermarsi a questa pur fondamentale battaglia. Approfondendo la disciplina giuridica degli appalti e della somministrazione, sul numero di settembre-ottobre 2018 di Leggi di Lavoro gli esperti della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, Luca De Compadri e Pasquale Staropoli, illustrano alcune proposte alternative alla recente depenalizzazione di intermediazione e appalti illeciti, con l'auspicio di previsioni sanzionatorie più efficaci nel combattere tutti i fenomeni di sfruttamento della forza lavoro. Alla luce di quanto già previsto dal codice penale, gli esperti descrivono i contenuti della nuova norma penale proposta dai Consulenti del Lavoro per delineare, razionalizzare e rafforzare la disciplina della cosiddetta "esternalizzazione illecita”.

Abbonati a Leggi di Lavoro per leggere l'artico